Gli Appuntamenti

Mag
17
ven
2019
Mano disegna; mano colora @ LEVATE
Mag 17@20:00–21:30
Mano disegna; mano colora @ LEVATE

LABORATORIO a cura di Alice Centurelli

La natura prende forma grazie ai segni e alle sfumature creati dalle mani dei bambini. Laboratorio ispirato alle illustrazioni di Sanna.

Dai 4 anni in su.

(in caso di maltempo: Palestra Comunale, Via IV Novembre)

Appunto @ LEVATE
Mag 17@21:30–22:30
Appunto @ LEVATE

Di e con Claudio Cremonesi e Davide Baldi

In scena l’artista a cavallo del suo baule e il maestro che lo spinge.
Dai bauli escono ogni sorta di oggetti e di strumenti. La musica dal vivo è originale e molto dispettosa. Citazioni più o meno poetiche accompagnano ogni gesto. In verticale, con la testa dentro un libro, l’artista si presenta: “sono il saltimbanco dell’anima mia”, dice…

Da una custodia di violino esce una scopa che si lancia in una danza improvvisa: “trasformare è attivare una forma di magia”…Bottiglie dal tappo lungo volteggiano pericolosamente in aria: “non sempre le cose sono come sembrano”…L’acqua di un fiore prende fuoco, mandando vampate di comicità e calore. Un baule diventa una ripida rampa sulla quale sale in equilibrio su una grossa sfera, tenendo sospese parole, palline e fiato. E come si ferma una trottola, così finisce lo spettacolo: comicità, musica e poesia, appunto!

Mag
18
sab
2019
Lab delle faccine e faccette @ STEZZANO
Mag 18@20:00–21:00
Lab delle faccine e faccette @ STEZZANO

“Non faccia così…” diceva un viso noto a tutti quelli che abitavano nel quartiere. “Si faccia gli affari propri!” rispondevano i più. Facciamo finta che a buon viso si faccia… Non essendo noi dei visigoti, tanto meno dei visi pallidi, abbiamo pensato di inventare dei visi o delle facce sfruttando al meglio fantasia di che vuole provare un modo diverso per creare volti a personaggi. Ti giri ed è fatta!

Tra un dipinto e una stampa: il monotipo @ BOLTIERE
Mag 18@20:00–21:30
Tra un dipinto e una stampa: il monotipo @ BOLTIERE

LABORATORIO a cura di Margit Kross

Margit Kross è illustratrice di diversi libri per ragazzi. Suoi sono i disegni dei manifesti e delle brochures del Biblofestival.

Coloro, disegno, stampo e mi sorprendo. Realizzare un monotipo, una stampa irripetibile, è una tecnica che lascia molto spazio a spontaneità e voglia di sperimentare.

 

Nodi nudi @ STEZZANO
Mag 18@21:30–22:30
Nodi nudi @ STEZZANO

Maldimar & El Nino del Retrete

Una ballerina di fama internazionale arriva sul palco per presentare il proprio acclamato spettacolo, ma qualcosa non va. Le luci non si accendono, i tecnici non ci sono, la radio passa solo cha cha cha. Il pubblico si è riunito in piazza per vedere un grande spettacolo di circo…ma gli incidenti si susseguono, i costumi di scena cadono a pezzi, gli acrobati non sono pronti per i loro numeri!

Si generano situazioni esilaranti, in un crescendo di assurdità che sfocia in numeri di acrobatica, giocoleria e equilibrismo dall’energia esplosiva e dalla comicità prorompente.

Oh my God! @ BOLTIERE
Mag 18@21:30–23:00
Oh my God! @ BOLTIERE

Di e con Olivia Ferraris

Questa è una storia che nasce sopra le nuvole. Protagonista un Clown. Oh My God! Questa è una storia di animalesca solitudine. Un miscuglio di follia, scherzosa severità, comicità e coraggio porteranno a vivere una sottile sensazione incontenibile tra gioia, fiducia e perdizione.

E poi c’è il Circo…e si vola via.

Mag
19
dom
2019
Cartoon Toylette @ OSIO SOTTO
Mag 19@15:00–17:00
Cartoon Toylette @ OSIO SOTTO

Di e con El Niño Del Retrete

In questo spettacolo dal linguaggio universale El Niño del Retrete lascia che il bambino che è in lui si esprima e invita il pubblico a entrare nel suo universo umoristico. Uno spettacolo ricco di emozioni, giocato da un personaggio delirante e geniale. L’umorismo, le acrobazie, il ritmo musicale perfettamente adeguato per i numeri, assicurano cinquanta minuti di risate. L’improvvisazione lo rende unico a ogni replica.

Lo spettacolo “Cartoon Toylette” basato su manipolazione di oggetti, comicità e tecniche di circo è stato rappresentato in tutto il mondo e in importanti festival internazionali, e ha vinto numerosi premi.

LUDOBUS @ OSIO SOTTO
Mag 19@15:00–18:00
LUDOBUS @ OSIO SOTTO

A cura di Associazione Saltabanco

CHE COSA È UN LUDOBUS ?

Il ludobus è un furgone carico di giocattoli che si ferma in luoghi fissi o compie irruzioni e fermate a sorpresa nei vari cortili o spazi gioco della città. E’ una ludoteca itinerante che raggiunge tutti i posti dove si possono incontrare bambini o adolescenti con tanta voglia di giocare, socializzare e sperimentazione attività diverse da quelle che normalmente svolgono. Sia adulti che bambini vivono così gli spazi cittadini in modo completamente diverso: fantasioso, con immaginazione, creativo, diventando protagonisti di momenti ludici progettati per ripensare un mondo che vede al centro i ragazzi e i giovani come soggetti attivi e partecipi della vita della comunità e del quartiere in cui vivono.

CHE COSA FA UN LUDOBUS ?

IL LUDOBUS È UN FURGONE CHE CONTIENE MOLTI MATERIALI E GIOCATTOLI CON I QUALI SI POSSONO FARE TANTISSIME ATTIVITÀ.

  • ANIMAZIONE E GIOCO. Giocare è sempre bello, specialmente quando ci sono animatori bravi che ti presentano giochi sempre nuovi e coinvolgenti. Per bambini della scuola materna elementare e media.
  • GIOCHI CON IL PARACADUTE. Uno strumento molto bello da utilizzarsi con i bambini, che piace molto e offre molte occasioni di socializzazione tra grandi e piccini. Per bambini della scuola materna, elementare e media.
  • LA LINGUA DELLA LIBELLULA. Con un grande ventilatore, un lungo tubo di cartone, grazie ad un animatore, parte il gioco della lingua della libellula che cercherà di prendere tutti i bambini che le si avvicinano. Per bambini della scuola materna, elementare e media.
  • GLI IMBUTONI. Se ti gira la testa non provarci…naturalmente ad entrare in un imbuto grande come questo. Per bambini della scuola materna, elementare e media.
  • I TRAMPOLI. Camminare con due gambe siamo capaci un po’ tutti, ma se ci si alza un po’ cambia l’orizzonte che sta davanti a noi, cambia il mondo intorno. L’emozione e la voglia di poterlo fare è tanta, riuscirci diventa leggermente difficile: provare è l’unica soluzione per capire se piace oppure no.

…e ancora SALTARELLO, TOLOMEO, GIOCHI CON I LEGNI, COSTRUZIONI GIGANTI E A INCASTRO.

Disegnando e colorando con mano felice @ OSIO SOTTO
Mag 19@16:15–17:15
Disegnando e colorando con mano felice @ OSIO SOTTO

Incontro con l’illustratore ALESSANDRO SANNA.

Alessandro Sanna è nato nel 1975 a Nogara (Vr), vive e lavora a Mantova. Ha cominciato a disegnare a undici anni, continuando a lavorare sul segno e sul colore, copiando capolavori e fotografie di ritratti di quando era piccolo. Ha appreso tutte le tecniche in una scuola d’arte molto improntata “al fare”. Oggi insegna illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha illustrato libri scritti da David Grossman, Italo Calvino, Roberto Piumini, Gianni Rodari, Vivian Lamarque, Beppe Fenoglio, Folco Quilici, Massimo Carlotto e altri. Ha vinto per tre volte il Premio Andersen nel 2006 con Hai visto Mondrian? per il miglior libro fatto ad arte, nel 2009 come miglior illustratore dell’anno e nel 2014 con Fiume lentoUn viaggio lungo il Po per il miglior albo illustrato. Tra gli altri suoi libri ricordiamo: ABC di boccacce, La mamma, Crescendo, Tonino l’invisibile, A sbagliare le storie, Culodritto, Moby.

La principessa Capriccio @ OSIO SOTTO
Mag 19@17:30–18:15
La principessa Capriccio @ OSIO SOTTO

Da una fiaba di Enrico Bonavera
Francesca Zoccarato & Matteo Curatella

C’era una volta un Re che amava le piante grasse, una Regina che amava ascoltare la musica a pieno volume, dei servitori che lavoravano con i tappi nelle orecchie a causa della musica e i guanti per non pungersi con le spine delle piante grasse e c’era la Principessina, tanto bella quanto capricciosa: era la campionessa mondiale, primatista straordinaria, inventrice suprema di eccezionali capricci! Al reame non c’era più pace, finché arrivò un istitutore, un tipo bizzarro che non si separava mai dal suo strano retino…

Una storia di amicizia e di crescita, dove gli adulti mostrano le proprie fragilità e i bambini imparano da queste ad essere migliori.